Conquistadores Cup 2022, percorsi Classic e Marathon: partenza sul lungomare, Monte Arco da brividi!

Un biker in azione alla Conquistadores Cup (foto: Conquistadores Cup)
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo la prima tappa del Circuito “Cannondale MTB Tour Toscana” disputata sulle sponde del lago Trasimeno con la Bacialla Bike di Terontola si torna a gareggiare domenica 15 maggio in Toscana all’Isola d’Elba a Porto Azzurro con la Conquistadores Cup 2022, saranno previsti 2 percorsi per i nostri abbonati, il Classic di 32 km per 1.282 di dsl e il Marathon di 62 km per 2.564 dsl, ricordiamo che coloro che gareggiano per il percorso Gran Fondo dovranno scegliere il percorso Marathon (come previsto da regolamento MTB Tour Toscana il punteggio sarà maggiorato del 30% per le prove marathon, per la Conquistadores Cup ci sarà un bonus ulteriore del 20% per entrambi i percorsi). La partenza è prevista sul lungomare adiacente la piazza Matteotti, bellissima e suggestiva piazza considerata il “Salotto dell’Isola d’Elba”.

Conquistadores Cup 2022: i segreti dei due percorsi

Appena partiti si percorre la strada del Pontecchio direzione Burraccio, tramite una salita pedalabile si arriva alla cima con panorami mozzafiato, ritornando a Porto Azzurro tramite la scalinata San Giovanni, si percorre il lungomare della partenza.Si percorre la passeggiata Carmignani, sentiero che costeggia il mare.Uno stradello in discesa ci porterà sulla spiaggia di Barbarossa (dal nome dell’omonimo pirata che qui faceva le sue scorribande), si prosegue per Capobianco costeggiando il mare per scendere sulla spiaggia di Reale.

Si continua per la particolarissima Spiaggia di Terranera, formata da una sabbia nera e luccicante per la presenza di polveri di Pirite e si imbocca un single track che ci porterà a passare sulla spiaggia del bellissimo e caratteristico laghetto di Terranera, un lago dal colore azzurro/verde formato da acqua solfurea creata dagli scavi della miniera di ferro e altri minerali.

Il Monte Arco, la salita da temere!

La gara continua con la prima vera salita che ci porterà in vetta al Monte Arco, poi giù per un sentiero fino ad arrivare in località Acquaviva. Dopo l’Acquaviva una lunga discesa ci porta ai piedi della salita più impegnativa dell’intera gara; la Cronoscalata di Monserrato una salita breve, in quanto di poco superiore al km ma che presenta pendenze importanti che faranno male alle gambe.

La discesa che segue è un sentiero tecnico con dei bellissimi scorci panoramici dove è possibile ammirare il paese di Porto Azzurro ma soprattutto l’affascinante bellezza del mare in cui sembrerà di tuffarsi.