RockShox smorza le vibrazioni con il sistema ButterCups

Tempo di lettura: 2 minuti

Mani indolenzite dalle vibrazioni? Rock Shox introduce una novità nella gamma di forcelle: il sistema ButterCups. Tutto è nato dall’intuizione di Tim Lynch, Senior Designer Engineer di Rock Shox, mentre con suo fratello tagliava legna utilizzando una motosega. La sua motosega aveva l’impugnatura ammortizzata in gomma, mentre quella di suo fratello no. Da qui la spiegazione delle mani stanche e insensibili del fratello, a differenza sua: l’impugnatura in gomma assorbiva le vibrazioni impedendo di raggiungere le mani.

In mountain bike le vibrazioni ad alta frequenza ma a bassa ampiezza sono molto comuni e spesso sono la causa di braccia e mani indolenzite, ma anche stanchezza prematura e perdita della sensibilità. Pensiamo ad esempio alle brake bumps, ma anche alle vibrazioni generate dai sassi e dal terreno molto compatto. Queste non sono in grado di essere assorbite dall’escursione della forcella ed ecco che quindi entra in gioco il sistema ButterCups.my23-bc-unthread-v3.gif

All’interno dell’involucro dorato posto nella parte inferiore dei foderi sono presenti due dischi in gomma e una piastra di metallo nel mezzo, che permette di assorbire le vibrazioni che altrimenti verrebbero trasmesse alle mani e alle braccia del biker.
whitepages_buttercups_springsidebc_1860x1210.jpg

Il funzionamento è molto semplice: quando la forcella incontra un ostacolo in grado di generare una vibrazione, la parte inferiore dell’asta si sposta verso l’alto mettendo in appoggio il cuscinetto di gomma con la piastra metallica. Viceversa tornando alla posizione iniziale entra in gioco l’altro cuscinetto che ne smorza il ritorno. In questo modo i ButterCups sono in grado di assorbire le vibrazioni donando una qualità di guida superiore.

my23-bc-bounce-v3.gif

Dal lato della molla pneumatica, invece, i ButterCups funzionano in modo simile, ma essendo il lato della molla sbilanciato per essere più efficiente sulla corsa di compressione rispetto al ritorno, l’albero della parte idraulica ha solamente un disco in gomma in alto, e utilizza un o-ring quando il sistema si estende di nuovo. Le ButterCups aggiungono circa 4mm di flessibilità verticale alla forcella e riducono mediamente del 20% le vibrazioni.
r_my22_buttercups_reduction_chart-1.jpg

Il sistema ButterCups è presente sulle versioni Ultimate ma installabile come upgrade anche sulle altre forcelle, aggiornando la cartuccia Charger 3.

www.sram.com