Tokyo 2020 / Immenso Nino Schurter: a un soffio dal Bronzo nella sua quarta olimpiade. «Parigi? Mai dire mai» (AUDIO)

Nino Schurter si disseta all'arrivo dell'Olimpiade di Tokyo: lo svizzero conclude al 4° posto
Tempo di lettura: 2 minuti

Diciamoci la verità: qualsiasi appassionato ci ha creduto fino alla fine. Il Bronzo di Nino Schurter a Tokyo 2020 sarebbe valsa per lo svizzero come una vittoria. La ciliegina sulla torta di una carriera infinita.

Purtroppo quella favola non si è avverata. Le pietre e la polvere dell’Izu Mtb Race hanno raccontato un’altra storia per lo svizzero, più cruenta e difficile da digerire.

Una gara perfetta, merito della sua grande esperienza

Eppure Nino Schurter ha fatto una gara da manuale, senza sbavature e senza errori. Lo avevamo detto che era tutt’altro che finito e oggi lo ha ampiamente dimostrato.

Nella prima parte ha subito attaccato senza risparmiarsi. Alla fine del primo giro, quando tutti ancora si guardavano ha provato a prendere il largo sorprendendo tutti. Nella parte centrale ha dato manforte al compagno svizzero Fluckiger per tenere a freno un Pidcock scatenato e in rimonta dalle posizioni arretrate in cui era partito. Infine, ha gestito le forze cercando di giocarsi un bronzo che sarebbe valso oro.

Tutti contro Nino Schurter

I suoi avversari lo hanno sempre braccato. Koretzky, Cooper e Dascalu hanno cercato invano di tendergli un’imboscata o portarlo a una volata finale. Tutte azioni che non hanno portato a nulla se non a un piazzamento finale. La vera bordata l’ha tirata lo spagnolo Valero Serrano che con una strepitosa rimonta ha attaccato senza esitazioni all’ultimo giro per la conquista del bronzo dal sapore d’oro.

All’arrivo Nino Schurter era visibilmente affranto dai pochi metri che lo hanno separato da una giornata trionfale. Una favola che si è infranta a poche centinaia di metri dal traguardo, ma che oggi come non mai, ha fatto vedere ancora una volta agli appassionati di tutto il mondo la grandezza di questo intramontabile campione che si conferma tra i grandissimi interpreti del nostro magnifico sport della Mtb…