Allarme Van der Poel, abbandona il ritiro a Livigno per problemi alla schiena: mondiale a rischio?

Van Der Poel sfinito all'arrivo di Nove Mésto (Foto. Bartosz Wolinski www.wolisphoto.com)
Tempo di lettura: < 1 minuto

A poco più di una settimana dal Mondiale in Val di Sole arriva una notizia clamorosa. Mathieu Van der Poel, l’olandese del team Alpecin-Fenix, ha dovuto abbandonare il ritiro a Livigno in seguito all’aumento del dolore alla schiena mentre è in sella.

Già in coppa del Mondo avevamo visto Van der Poel dolorante dopo l’arrivo (in foto dopo il traguardo di Nove Mésto). La caduta a Tokyo2020 aveva contribuito ad accentuare questo problema con il capitombolo che tutti ricorderemo. Mathieu Van Der Poel si era ritirato dopo pochi minuti mostrando ai tecnici la botta alla schiena e andando subito in ospedale per degli accertamenti.

Van der Poel, la spiegazione del team: la Mtb non c’entra

Il patron del team Christoph Roodhooft ha spiegato qual è la situazione a Het Nieuwsblad: «Ovviamente non ha migliorato la situazione. Ma già prima aveva avuto qualche problema. Nella prima manche di Coppa del Mondo di MTB il dolore si era già palesato da solo. Non crediamo che sia un problema dovuto alla transizione dalla bici da strada alla MTB. Al momento può pedalare in maniera tranquilla, ma questo ovviamente non è un allenamento. Per questo abbiamo deciso di interrompere il ritiro, inutile andare avanti così».